.
Annunci online

 
UnpoliticallyCorrect 
Men never do evil so completely and cheerfully as when they do it from religious conviction
<%if foto<>"0" then%>
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Magdi Allam
memri
Daniel Pipes
Faith Freedom
Prophetofdoom
jihadwatch
tocqueville
Beppe
Islaminitsownwords
Corriere Della Sera
littlegreenfootballs
NeilDoyle
Victims of Saddam's Regime
PartigianoWilliam
Apostates of islam
victims of jihad
Il Lupo
barbara
SauraPlesio
IlCialtrone
kiki-e
Puffolottiaccident
Dolomitengeist
Milleeunadonna
Iostoconoriana
FranceEchos
Free Translation
  cerca

Thousands of Deadly Islamic Terror Attacks Since 9/11

free counters


 

Diario | Insight |
 
Diario
1visite.

15 luglio 2009

«La guerra dei chewing-gum»

La polizia di Gaza accusa Israele di passare dalle bombe alle gomme che "stimolano" l'appetito sessuale

Chewing-gum che stimolano la libido sarebbero stati distribuiti dagli uomini dell'intelligence israeliana nella striscia di Gaza allo scopo di "corrompere i giovani palestinesi". E' l'incredibile accusa avanzata da Islam Shahwan, portavoce della polizia di Gaza, secondo il quale Israele intende in questo modo "distruggere" le generazioni più giovani dei palestinesi. Lo riferisce oggi il sito web del quotidiano 'Yedioth Ahronoth', secondo il quale alcuni sospetti, o come li definisce Shahwan "spacciatori", che avrebbero distribuito le gomme 'incriminate' sarebbero stati arrestati e avrebbero confessato di averle ricevute dagli israeliani. Secondo quanto riporta il quotidiano, all'origine dell'indagine della polizia palestinese ci sarebbe la denuncia di un uomo di Gaza, la cui figlia avrebbe masticato una di queste gomme afrodisiache, provandone gli indesiderati effetti. Shahwan ha rivelato, inoltre, che le autorità palestinesi avrebbero messo le mani su alcune partite di questi chewing-gum che incrementano l'appetito sessuale nei pressi del valico di Karni. qui

6 gennaio 2009

«Vaticano: Turbamento per quella preghiera»

CITTÀ DEL VATICANO — «Guardi, a me la preghiera di per sé non disturba, si figuri. Se un musulmano venisse a San Pietro a pregare che dovrei dire? La gente che prega fa sempre bene. Però...». Il cardinale Renato Martino, presidente del pontificio Consiglio della giustizia e della pace e del Consiglio per i migranti, si concede una pausa. È in quel «però» che c'è tutto il disagio della Chiesa per le immagini dei musulmani in preghiera in piazza del Duomo, a Milano, o davanti a San Petronio a Bologna, il tutto dopo le manifestazioni antiisraeliane e antisemite con striscioni che equiparavano la Stella di David alla svastica nazista. In Vaticano non si desidera certo inasprire i toni, i tempi sono già abbastanza difficili. Però... «Ciò che mi ha infastidito e turbato sono proprio quelle bandiere di Israele bruciate, quei cartelli, la preghiera dopo una simile manifestazione di odio», riflette il cardinale. Ecco il punto: «L'essenziale è lo spirito con cui si prega. E la preghiera esclude l'odio».  

A Bologna è stata durissima la reazione del vescovo Ernesto Vecchi, vicario generale della diocesi: «Non è una preghiera e basta. È una sfida, più che alla basilica al nostro sistema democratico e culturale — ha detto al Resto del Carlino —. Abbiamo avuto la conferma che c'è un progetto pilotato da lontano. Cosa prevede? L'islamizzazione dell'Europa. Se ne accorse il cardinal Oddi, tra i primi. E aveva buone fonti». (…) [G.G. Vecchi, Corriere]


(Bologna, Basilica di San Petronio - Affresco di Giovanni da Modena)

27 novembre 2008

«Figli di... Israele»

Nel Nome di Allah il Misericordioso
Allah susciterà una comunità che Lui amerà e che Lo amerà, umile con i credenti e fiera con i miscredenti, che lotterà per la causa di Allah e che non teme il biasimo di nessuno

Figli di...Israele
L'odore della morte aleggia sopra le nostre teste...
è tutto vero anche se a volte può sembrare un incubo...
lo è...un incubo...
ma al nostro risveglio sarà tutto più bello...
E quando dormirete voi...comincerà l'incubo eterno
la vera persecuzione
niente più Media, amici, famiglia...nessuno che vi svegli
perchè la morte tocca tutti e viene a prenderti ovunque...
preferisco degli ignoranti che mi chiamano terrorista...
ai venduti che vi chiamano israeliani...
figli di Israele...lottate per una terra, ma chi vi difenderà da Dio?
figli di...Israele qualche migliaio di soldati contro un popolo...per vincere dovrete ucciderci tutti...anche noi che siamo lontani...
figli di...
ormai sieta al vostro picco e la fine è vicina, il mondo vi crollerà addosso...
non vi odio, perchè già odiate voi stessi...
già...lo conosciamo l'odore della morte e fa paura
e voi?
voi avete paura della vita... (Il leone dell’islam)

«Bellissime parole mashallah»
«"Voi avete paura della vita..."....in questa frase è racchiuso il significato più profondo di tutta la poesia.... Continua così fra....esprimi a pieno con le parole ciò che noi tutti abbiamo nel cuore....»
«Che belle parole.....che dire semplicemente STUPENDE»

E poi il link a questo video (tradotto dal MEMRI)



Napolitano: «Di fronte ai proclami contro Israele, l'Italia non può che rafforzare il proprio impegno, affinché tali voci siano per sempre bandite e mai più l'umanità torni a rivivere le aberrazioni del passato».

sfoglia
giugno        agosto