.
Annunci online

 
UnpoliticallyCorrect 
Men never do evil so completely and cheerfully as when they do it from religious conviction
<%if foto<>"0" then%>
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Magdi Allam
memri
Daniel Pipes
Faith Freedom
Prophetofdoom
jihadwatch
tocqueville
Beppe
Islaminitsownwords
Corriere Della Sera
littlegreenfootballs
NeilDoyle
Victims of Saddam's Regime
PartigianoWilliam
Apostates of islam
victims of jihad
Il Lupo
barbara
SauraPlesio
IlCialtrone
kiki-e
Puffolottiaccident
Dolomitengeist
Milleeunadonna
Iostoconoriana
FranceEchos
Free Translation
  cerca

Thousands of Deadly Islamic Terror Attacks Since 9/11

free counters


 

Diario | Insight |
 
Diario
1visite.

27 giugno 2009

Islam in Italia

Dunque secondo te è giusto punire con la pena di morte l'apostasia.

Conosco molte storie di persone uscite dall’Islam che poi hanno sputato veleno sull’Islam e sui musulmani, per cui è legittimo punirli, per evitare la fitna. qui

"E' meglio per un uomo che un pezzo di ferro gli sia conficcato in testa, che toccare la mano di una donna a lui "estranea" [non-mahram]" qui

Domanda: è permesso cercare l'amicizia e l'aiuto dei miscredenti?
Risposta: no, cercare l'amicizia e l'aiuto dei miscredenti non è permesso. qui

“Ogni donna che chiede il divorzio senza un motivo legittimo, non sentirà la fragranza del Paradiso.” ...e questa è una severa minaccia. Quindi è incombente sulla donna che ella viva con suo marito e che lei lo ascolti e gli obbedisca in quello che corrisponde al Libro di Allah e alla Sunnah del Suo messaggero sallallaahu alayhi wa sallam e non chieda il divorzio da suo marito eccetto con una valida scusa. qui

2 dicembre 2008

«Se gli uomini in Europa fossero così!»

"Una delle nostre Jama`a [gruppo di persone] andò ad Edimburgo. L'Imam che stava guidando la preghiera [in un luogo pubblico], dopo aver finito fu avvicinato da alcune ragazze. Una di loro chiese: "Conosci l'inglese". Il giovane [che aveva guidato la preghiera] disse: "Sì". Lei disse: "Cos'è questa cosa che avete fatto?". Il giovane rispose: "Abbiamo eseguito un atto di adorazione". La ragazza disse: "Ma oggi non è Domenica". Il giovane rispose: "Noi lo facciamo cinque volte al giorno". La giovane ragazza esclamò "Ma è un sacco!". Il giovane le spiegò che considerando le benedizioni di Allah, in realtà è molto poco. E [la preghiera] è la sorgente della tranquillità. Non è difficoltà, è felicità. Allora la ragazza tese la sua mano per salutare, ed il giovane disse: "Perdonami ma la mia mano non può toccarti". Lei chiese: "Perchè?", e lui rispose: "Questo è un bene di mia moglie". La ragazza crollò a terra. Un urlo, ed iniziò a piangere, dicendo "Beata quella moglie che ha un tale marito, O, se gli uomini in Europa fossero così!". (islamforumup)

Leggere anche questa testimonianza

Tutte queste storie e testimonianze si trovano nei libri appositamente scritti per le europee e le americane sposate con musulmani. Ne ricordo alcune che ho puntualmente ritrovato in tutti i siti islamici. La storiella della vecchietta maleducata e cattiva che è andata in paradiso perché era solita nutrire un gatto randagio o, al contrario, che è andata all’inferno per averlo maltratto. La storiella della vecchia o, a seconda dei casi, dell’ebreo. La storiella di Neil Armstrong, famoso astronauta, convertitosi all’islam dopo aver sentito l’adhan
sulla luna. E poi tutte quelle testimonianze vaghe di donne occidentali, gravemente ammalate, guarite dopo aver toccato il Corano, letto il Corano, sognato il Corano. O donne occidentali bellissime, spesso attrici e modelle, convertite all’islam dopo aver toccato il Corano, letto il Corano, sognato il Corano.

26 novembre 2008

Miracoli di Allah

Una notizia che convincerà centinaia di miscredenti a convertirsi all’islam: un miracolo che ha sorpreso anche la NASA.









Poi, il miracolo del leone, della cornacchiadel toro e tanti altri.

24 novembre 2008

Odiare i miscredenti

Il Sistema del Credo Islamico ('Aqidah) obbliga ogni Musulmano ad amare la gente del Tawhid e a detestare la gente dello Shirk. Infatti Allah l'Elevato, il Glorificato ha detto: "C'è per voi un esempio eccellente da seguire in Abramo e in quelli insieme a lui, quando dissero alla loro gente: noi ci teniamo a distanza da voi e da ciò che adorate oltre Allah. Vi abbiamo rinnegati. E tra noi e voi vi è inimicizia e odio eterno, fino a che crediate in Allah, in Lui soltanto." [Al-Mumtahanah, 4]
Inoltre, questo obbligo è dalla religione (Din) di Muhammad (sallAllahu 'alayhi wa sallam).
Allah l'Elevato ha detto: "O voi che credete! Non prendete gli Ebrei (Yahud) e i Cristiani (Nasara) per amici (Awliyya). Essi sono Awliyya gli uni con gli altri. E colui in mezzo a voi che si volge a loro, è uno di loro. Invero Allah non guida un popolo ingiusto." [Al-Ma'ida, 51]
Questo versetto proibisce ai Musulmani di prendere qualcuno della Gente del Libro (Ahlul-Kitab), in particolare, e qualsiasi tra i Miscredenti (Kuffar) in generale, come amico (Mawlat). La prova è il versetto: "O voi che credete! Non prendete i Miei nemici e i vostri nemici come Awliyya." [Al-Mumtahanah, 1]
Inoltre, Allah proibisce al credente di sostenere i Kuffar, anche nel caso i Kuffar siano parenti di sangue. Allah l'Elevato ha detto: "O voi che credete! Non prendete i vostri padri e i vostri fratelli come Awliyaa, se essi amano la miscredenza (Kufr) invece della fede (Iman). Se qualcuno di voi lo fa, essi sono ingiusti." [At-Tawbah, 23] (Thesalafimanhaj)

Domanda: se un Cristiano mi chiede una copia del Qur'an, dovrei dargliela?
Risposta: non dovreste dargliela, dovreste leggergli il Qur'an, farglielo ascoltare, chiamarlo ad Allah e pregare che Allah lo guidi secondo l'affermazione di Allah Ta'ala nel Suo Libro: "E se qualcuno dei Mushrikin (politeisti) cerca la tua protezione, allora concedigli protezione così che possa ascoltare la Parola di Allah (il Qur'an) e poi accompagnalo dove possa essere sicuro..." [At-Tawbah, 6]
Anche per il detto del Messaggero (sallAllahu 'alayhi wa sallam): "Non viaggiate con il Qur'an nelle terre dei nemici, affinchè essi non lo tocchino." (Thesalafimanhaj)

8 novembre 2008

Educare i bambini islamicamente

(…) 'Giocate al Jihad', fate un fantoccio nemico con un sacco da colpire, spiegando ai bambini che si tratta di chi ha attaccato i Musulmani, e insegnando loro che è dovere di ogni Musulmano venire in soccorso dei propri fratelli oppressi. (…) Un gioco adatto ai bambini è il tiro al bersaglio con pistole giocattolo. Rendete loro molto chiaro QUALE sia il bersaglio. Si possono fare giochi militari in maniera divertente, tipo 'percorsi di guerra' e simili.
Interessate i vostri bambini al Jihad navigando con loro su Internet su siti islamici o comprando qualcuna delle riviste militari che si trovano anche in edicola (con fotografie di carri armati, aerei ecc. di cui potrete anche comprare loro i modellini).
Mostrate loro le fotografie dei Mujahidin, raccontate la loro storia e incoraggiateli a voler diventare, da grandi, coraggiosi come loro.

Non sottovalutate l'effetto duraturo che queste cose possono avere su di loro: fin da piccoli capiranno che questi Mujahidin stanno difendendo la Ummah Musulmana e li ameranno
. Una madre conosce meglio di chiunque altro i propri figli e può incoraggiarli nel modo migliore verso i vari aspetti del Jihad.
Leggete libri come quelli dello Shahid shaykh 'Abdullah Azzam (r), o di altri Sapienti che spieghino l' 'Aqidah e il Fiqh del Jihad. Sappiate come rispondere alle obiezioni e alla propaganda di coloro che cercano di eliminare il Jihad (o Qital) dall'Islam, o di cambiarne la natura, apportando interpretazioni nuove ed annacquate della parola JIHAD.
Le sorelle devono ricevere un'educazione relativa al significato del Jihad, e trasmettere ad altri queste informazioni.
Allah l'Altissimo ha comandato ai Musulmani di impegnarsi nel Jihad con se stessi e con le proprie ricchezze. Le sorelle possono aiutare organizzando incontri per raccogliere fondi. (Tratto da minbar. Leggetevi anche questo)

Umm Usama, l’autrice di questa traduzione, è la convertita Barbara Farina che si presenta in rete con decine di blog (in italiano e in francese) e diversi pseudonimi. Nulla di nuovo, conoscendo la tipa – «Io mi chiamo Aisha Farina e mi sono convertita all’islam otto anni e mezzo fa, dopo aver studiato arabo all’Ateneo di Milano. Io sono di Milano. La mia famiglia d’origine vive a Milano. Un giorno Roma verrà aperta all’islam, e in parte del resto s’è già aperta. Perché noi mussulmani siamo tanti. Migliaia di migliaia, tanti. Ma non dovete spaventarvi. Questo non significa che noi vogliamo conquistarvi con gli eserciti, con le armi. Può darsi che tutti gli italiani finiscano col convertirsi e comunque vi conquisteremo pacificamente. Perché ad ogni generazione noi raddoppiamo o di più. Voi invece vi dimezzate. Siete in crescita zero»- e relativo consorte. C’è da considerare che i suoi blog, forum e siti sono linkati da tutti i convertiti italiani, in particolare dalle convertite, e che le sue traduzioni - dal jihad alla sottomissione della donna e all’odio verso i “miscredenti” o l'Occidente- vengono divulgate nei loro spazi virtuali. Convertiti italiani che, intervistati, dicono: «l’islam è pace, amore, rispetto, tolleranza. L’islam ripudia la violenza. Gli italiani sono razzisti e islamofobi. Se determinati crimini e comportamenti vengono associati all’islam è colpa dei media e di Magdi Allam. Jihad significa sforzo interiore e non guerra santa», eccetera. 

Guardatevi anche questo video.

La moda del piccolo musulmano

sfoglia
maggio        luglio