.
Annunci online

 
UnpoliticallyCorrect 
Men never do evil so completely and cheerfully as when they do it from religious conviction
<%if foto<>"0" then%>
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Magdi Allam
memri
Daniel Pipes
Faith Freedom
Prophetofdoom
jihadwatch
tocqueville
Beppe
Islaminitsownwords
Corriere Della Sera
littlegreenfootballs
NeilDoyle
Victims of Saddam's Regime
PartigianoWilliam
Apostates of islam
victims of jihad
Il Lupo
barbara
SauraPlesio
IlCialtrone
kiki-e
Puffolottiaccident
Dolomitengeist
Milleeunadonna
Iostoconoriana
FranceEchos
Free Translation
  cerca

Thousands of Deadly Islamic Terror Attacks Since 9/11

free counters


 

Diario | Insight |
 
Diario
1visite.

3 giugno 2009

Obama

«Democrazia, stato di diritto, libertà d’espressione e di religione non sono solo princìpi dell’Occidente sono princìpi universali che possono venir abbracciati dai Paesi musulmani.»

Gli Stati Uniti sono "uno dei Paesi musulmani più grandi del mondo". La battuta è di Barack Obama, pronunciata dal presidente americano a poche ore dal viaggio che lo porterà al Cairo, da dove parlerà ai credenti dell'Islam. (….) "uno dei punti che voglio affermare è che, se si tiene conto dei credenti americani, siamo una delle nazioni musulmane più grandi del mondo". Secondo una stima del 2007 i musulmani negli Stati Uniti sono lo 0,6% della popolazione adulta, in termini assoluti circa 1,4 milioni. Agi


19 novembre 2008

Proselitismo islamico

Di solito funziona così. Sei lì seduto su una panchina del parco che ti fai un po’ i fatti tuoi quando ti si avvicina un tipo, per niente sospetto, anzi persino simpatico, disponibile, alla mano. Che chiacchierando così del più e del meno a un certo punto la butta lì sul religioso, ti chiede la tua sul cristianesimo, sulla parola di Dio, sul catechismo. Robe normali, come si fa all’oratorio. Poi all’improvviso con la pupilla che brilla come la lama di un coltello stringe lo sguardo e con un sorriso strano ti dice: «Sì, certo, è vero, non che non sia d’accordo su quello che dici ma ce l’avresti mica un Vangelo sotto mano, che ci diamo un occhio?...» E come no, amico mio, eccolo qua... «È così che ti fregano - racconta adesso rigorosamente coperto dall’anonimato un algerino convertito al cristianesimo al quotidiano al-Khabar -. È stato un agente della polizia in borghese a fermare per strada uno dei miei fratelli di fede, gli ha chiesto una copia del Vangelo e quando il mio amico lo ha tirato fuori dal tasca per darglielo sono scattate le manette. Sono un poliziotto, gli ha detto, e ti ho beccato in flagranza di reato». L’amico in questione è uno dei cinque cristiani algerini sotto processo a Tizi Ouzou, in Cabilia con l’accusa di aver fatto propaganda al cristianesimo e di aver convinto amici e conoscenti ad abbracciare la fede cristiana. (Il Giornale, 2007)

Recita il Corano, (Al-Kâfirûn, CIX:VI): «a voi la vostra religione, a me la mia». Giustissimo, ai musulmani l’islam e a noialtri le nostre religioni o, addirittura, nessuna. In realtà non funziona così perché mentre gli islamici non permettono che i figli vengano «contaminati dalle nostre idee», loro hanno il diritto (grazie alle leggi occidentali) e il dovere di diffondere la religione di Maometto in qualsiasi luogo e con qualsiasi mezzo.

«Ma nessuno ha figli o conosce altre sorelle/fratelli che hanno figli dove si può provare a far qualcosa nelle loro scuole? O magari in università? Si infatti nelle università!?»

«Finalmente qualcuno che mi capisce. le scuole, le industrie, gli ospedali università. qui c'e' tanto materiale per dawa ed e' molto buono. (…) Al giorno d'oggi un video è molto più efficace di uno scritto. Certo qui in Italia secondo me siamo messi malino. Anche secondo me questo non è ancora un paese maturo, però una da'wa fatta di video potrebbe essere molto più utile. Certo a dire il vero ci sarebbe bisogno anche di una sorta di leader carismatico, un buon mussulmano che sia sapiente della nostra religione e di quella cristiana... uno che sia un buon esempio e che sappia farsi voler bene oltre gli stereotipi. Riguardo la da'wa nelle scuole... ehehehe è dura quella da fare qui. Questo è il paese della chiesa di Pietro, di quelli che credono che Gesù (astaghfiruallah) non è un Profeta ma altro e che è salito sulla croce ed è poi risorto. E tutte le domeniche onorano il rito mangiando il corpo di Cristo e bevendo il suo sangue. Poi c'è un'altra tipologia, quella orgogliosa del Cupolone solo per le tradizioni.»

«Io ho due bimbi che frequentano la scuola, la prima la scuola primaria e l'altro la scuola materna, poi ne ho un'altra che al momento dorme in braccio....Dicevo sarei interessata a sapere come avete intenzione di impostare la cosa per un pubblico chiuso come gli italiani. Ho letto un pò e ho visto le vostre idee, ora cerco inschallah di valutare bene come impostare qualcosa di carino, accattivante x le scuole».  (Turntoislam)

sfoglia
maggio        luglio