.
Annunci online

 
UnpoliticallyCorrect 
Men never do evil so completely and cheerfully as when they do it from religious conviction
<%if foto<>"0" then%>
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Magdi Allam
memri
Daniel Pipes
Faith Freedom
Prophetofdoom
jihadwatch
tocqueville
Beppe
Islaminitsownwords
Corriere Della Sera
littlegreenfootballs
NeilDoyle
Victims of Saddam's Regime
PartigianoWilliam
Apostates of islam
victims of jihad
Il Lupo
barbara
SauraPlesio
IlCialtrone
kiki-e
Puffolottiaccident
Dolomitengeist
Milleeunadonna
Iostoconoriana
FranceEchos
Free Translation
  cerca

Thousands of Deadly Islamic Terror Attacks Since 9/11

free counters


 

Diario | Insight |
 
Diario
1visite.

9 luglio 2009

Convertiti

(…) E’ stato provato scientificamente che la saliva del cane contiene dei batteri che seppur lavati con il sapone per 7 volte, ad esempio in un piatto dove mangia il cane, questi batteri non muoiono ma se si lava il piatto con la terra i batteri scompaiono. Ora io accetto il precetto divino ma come dicevo prima se c'è la spiegazione scientifica perchè non darla? qui

16 dicembre 2008

«Milano, zuffa fra cani diventa un caso "religioso"»

Scontro al parco tra Sharif Mustafà e Mosè. A vincere è stato il bellissimo esemplare di Setter Inglese da caccia di quattro anni, il cui nome richiama il grande profeta ebreo che ebbe i dieci comandamenti sul monte Sinai. Lasciando il segno al meticcio marrone di cinque anni che gli si era parato davanti (pare) attaccandolo. (…)
Il punto è il caso “religioso” portato davanti al Tribunale degli Animali di Milano, su invito del commerciante marocchino. Cosa chiede? Che la signora cinquantenne di religione cristiana cambi il nome al suo Mosè in quanto - a suo dire - nasconderebbe un richiamo religioso offensivo per la sua persona. Dato per alquanto stranuccio che a chiedere il cambio di nome non sia un cittadino di fede ebraica, bensì un musulmano ritenuto offeso dal fatto che il setter abbia il nome di un grande profeta, la questione è nei nomi a volte troppo fantasiosi.
«Che esista gente strana al mondo non è certo una novità - ci dice commentando la notizia il presidente AIDAA Lorenzo Croce - certo che non avevo mai sentito dire che una persona si era rivolta alla giustizia, seppure quella arbitraria del tribunale degli animali, perché si sentiva offeso nel suo credo religioso per il nome di un cane o di un animale domestico.  (La Stampa)

sfoglia
giugno        agosto