.
Annunci online

 
UnpoliticallyCorrect 
Men never do evil so completely and cheerfully as when they do it from religious conviction
<%if foto<>"0" then%>
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Magdi Allam
memri
Daniel Pipes
Faith Freedom
Prophetofdoom
jihadwatch
tocqueville
Beppe
Islaminitsownwords
Corriere Della Sera
littlegreenfootballs
NeilDoyle
Victims of Saddam's Regime
PartigianoWilliam
Apostates of islam
victims of jihad
Il Lupo
barbara
SauraPlesio
IlCialtrone
kiki-e
Puffolottiaccident
Dolomitengeist
Milleeunadonna
Iostoconoriana
FranceEchos
Free Translation
  cerca

Thousands of Deadly Islamic Terror Attacks Since 9/11

free counters


 

Diario | Insight |
 
Diario
1visite.

24 giugno 2009

.

L'organizzazione internazionale per i diritti umani Human Rights Watch (Hrw) critica la presa di posizione del presidente francese Nicolas Sarkozy contro il burqa, il velo islamico che copre il volto e il corpo intero delle donne. "Vietare il burqa non porterà all'uguaglianza per le donne", avverte Jean-Marie Fardeau, direttore dell'ufficio parigino di Hrw. "Non farà altro che stigmatizzare e marginalizzare le donne che lo portano. La libertà di esprimere la propria religione e la libertà di coscienza sono diritti fondamentali", aggiunge. Secondo Hrw il bando del velo integrale "invierebbe un nuovo segnale a molti musulmani francesi sul fatto che non sono i benvenuti nel loro stesso Paese" e sarebbe "probabilmente discriminatorio" perché prenderebbe di mira esclusivamente le donne islamiche. (Apcom)


(Internet)

12 dicembre 2008

«Come se non fossi umano»

(…) Il trattamento dei collaboratori domestici nei Paesi del Golfo è un argomento assai controverso. Dal 2005, da quando il regno saudita è guidato dal sovrano Abdullah e la libertà di stampa è un po’ migliorata, i giornali quotidianamente si occupano della questione, riportando storie agghiaccianti di abusi su colf e assistenti. Parlano di violenze, sevizie e a volte di omicidi. Un diplomatico filippino ha recentemente dichiarato al Washington Post, chiedendo di rimanere anonimo, che sono decine le donne filippine che ogni giorno arrivano al consolato di Riad e si lamentano di non aver ricevuto lo stipendio. Su una popolazione di quasi 28 milioni, tra i 6 e gli 8 milioni di abitanti in Arabia Saudita sono lavoratori in arrivo soprattutto da Paesi asiatici: Filippine, Bangladesh, Pakistan, Nepal. A giugno, l’organizzazione internazionale per i diritti umani Human Rights Watch ha pubblicato un rapporto sul trattamento dei collaboratori domestici nel Golfo: «Come se non fossi umano», era il titolo del documento che parla di seri abusi e di «condizioni da schiavitù».  (Il Giornale)

Maid abuse in the Middle East

(The New York Times)

sfoglia
maggio        luglio