.
Annunci online

 
UnpoliticallyCorrect 
Men never do evil so completely and cheerfully as when they do it from religious conviction
<%if foto<>"0" then%>
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Magdi Allam
memri
Daniel Pipes
Faith Freedom
Prophetofdoom
jihadwatch
tocqueville
Beppe
Islaminitsownwords
Corriere Della Sera
littlegreenfootballs
NeilDoyle
Victims of Saddam's Regime
PartigianoWilliam
Apostates of islam
victims of jihad
Il Lupo
barbara
SauraPlesio
IlCialtrone
kiki-e
Puffolottiaccident
Dolomitengeist
Milleeunadonna
Iostoconoriana
FranceEchos
Free Translation
  cerca

Thousands of Deadly Islamic Terror Attacks Since 9/11

free counters


 

Diario | Insight |
 
Diario
1visite.

3 luglio 2009

.

I segretari dei partiti che compongono Sinistra e Libertà, Grazia Francescato, Claudio Fava, Riccardo Nencini, Nichi Vendola e Umberto Guidoni, hanno commentato il ddl sulla sicurezza approvato oggi in via definitiva dal Senato: «Contro questo provvedimento che criminalizza gli immigrati ed istituisce le ronde nelle città, Sinistra e Libertà organizzerà fortissime azioni di disobbedienza civile».

Il responsabile Immigrazione dell'Arci, Filippo Miraglia, ha annunciato che l'Arci darà ospitalità nei propri circoli ai migranti, aprendo le porte a quelli regolari e agli irregolari, ''proprio come dopo il 1938 fecero molti 'giusti' sottraendo gli ebrei alle leggi razziali''. (Apcom)

10 gennaio 2009

«Sinistra e arabi»

(…) A pochi metri di distanza, proprio in piazza Duomo, i giovani palestinesi, marocchini e soprattutto egiziani, davano sfogo alla loro rabbia per la guerra in Medio Oriente: «Israele assassini, Israele bastardi, Palestina libera». Era la fiaccolata convocata da una miriade di sigle della sinistra politica, sindacale e pacifista, fra cui Arci, Acli, Legambiente, Cgil, Cisl. Un migliaio di persone. C’erano anche esponenti di primo piano del Pd e di Rifondazione comunista. Ma hanno monopolizzato la scena alcune frange filopalestinesi. Padroni della piazza erano i gruppi di arabi, che agitavano cartelli raffiguranti le vittime civili di Gaza, con la scritta «Olocausto 2009» e inneggiavano all’Intifada. Nessun problema per i comunisti. L’eurodeputato di Rifondazione Vittorio Agnoletto dava volentieri la sua definizione di Israele, facendo volare parole forti: «È uno stato canaglia, da aggiungere alla lista compilata da Bush». Solo poco più prudente l’assessore provinciale del Prc Sandro Barzaghi: «Olocausto è una parola da usare con parsimonia, ma la striscia di Gaza oggi è un campo di concentramento». (Il Giornale)

«Oggetto: chiamate lo 00972 025839749, vi risponde l'esercito sionista...  Chiamate, chiamate, chiamate, bombardateli di chiamate anche dall'Italia e ditegli in tutte le lingue di smettere di massacrare i palestinesi a Gaza. Non capita spesso di avere a tiro di voce i soldati israeliani Nella speranza di reclutare collaboratori, l'esercito sionista ha fatto piovere su Gaza questo volantino, con un indirizzo e-mail ed un numero da chiamare per dare informazioni sui resistenti. Invitiamo tutti e tutte a chiamare da una cabina e ad esprimere come la pensare, oppure a prendere per i fondelli l'operatore (…)» [islam.forumup.it] qui

sfoglia
giugno        agosto